Cives Cremona

21 maggio 2009

La “grammatica politica” di Cives

Filed under: Editoriali — Cives Cremona @ 08:05

Commentando il nostro post sulle Consulenze d’oro in Provincia, Flaminio Cozzaglio lamenta di avere ripetutamente segnalato gli sprechi dell’amministrazione con lettere ai giornali che non hanno avuto risposta e che sono state  ignorate dall’opposizione, tanto che alla fine ha inoltrato le sue proteste anche alla magistratura.
Come Cozzaglio può constatare abbiamo pubblicato il suo commento, ma ne prendiamo lo spunto per chiarire lo scopo e il metodo del nostro lavoro. Cives – come dichiarato in partenza – vuole alimentare un’opinione pubblica informata e critica, che contribuisca alla crescita civile della comunità. Dato l’obiettivo, cerca di approfondire i fatti, si sforza di fare delle critiche costruttive  e di formulare proposte (il motto che abbiamo adottato è “dalla notizia la proposta”). Inevitabilmente assume spesso il compito ingrato di disturbare il manovratore, poiché le critiche si rivolgono – direi ovviamente – a chi nelle istituzioni opera e alle critiche è esposto.
Ma Cives non vuole far la parte del giustiziere. Quello che si definisce giustizialismo non è nella nostra cultura politica e quindi nei nostri metodi. Una scelta amministrativa può essere inopportuna, inutile, anche dannosa e quindi criticabile. E noi la critichiamo apertamente, con chiarezza e magari durezza, ma la vogliamo mantenere sul piano dell’opinione politica perché pensiamo che questo sia il modo migliore per contribuire alla crescita civile della comunità.
Non è una questione di galateo, ma di “grammatica politica”.

Piàsa Suregaróol

Filed under: Cultura — Cives Cremona @ 08:00

Nel nostro commento sulla piazza Stazione del 18 maggio avevamo citato la poesia publicata sul Cantòon dèl dialèt (avevamo storpiato la grafia ma adesso abbiamo rimediato). Un nostro lettore incuriosito ci ha scritto per conoscere la fonte precisa, che è La Provincia del 16 maggio, nel paginne dedicato al dialetto cremonese. Per sua comodità e per comodità dei nostri lettori  riportiamo integralmente la poesia, firmata Pasquino Cremonese, che ha il pregio di ben sintetizzare la furia urbanizzatrice del nostro assessore alla “urbanizzazione”.
Ecco la poesia.

Lùü l’è cuma ‘n tridasàs
el tèen mai le màan in màan
lùü l’è òön che tèen el màs
òön che vàardaa a l’indumàan.
El cumìincia cun la Còop
po’ cul büüs in dèla piàsa.
Se capìs in dùa ‘l và sòp:
püür che sùna la grancàsa
scàava fùura scaravòolta
la cità l’è ‘n sòol cantéer,
el fa töt in de’na vòolta,
chésto chì l’è ‘l sóo mestéer.
A la féen ghe vèen in mèent
chéla piàsa de Budéen,
el se dìis: “Vàca ’cidèent,
saròo mìia céerto da mèen!”
Dìt e fàt a la stasiòon
de chì ‘l zlàarga, de là ‘l sàara,
l’è ‘na gròsa cunfüziòon.
A sbaliàa dìis che s’impàara:
da ‘na part gh’è pö la stràada,
da chèl’àaltra gh’è ‘n strincióol.
L’è ‘na bèla imbutunàada,
l’è la piàsa Suregaròol.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.