Cives Cremona

19 marzo 2010

Evviva la sussidiarietà

Filed under: Cultura — Cives Cremona @ 11:01

A proposito di parità discriminata, l’anonimo Scolaro commenta che il metodo del “buono” dovrebbe essere esteso, oltre che alla scuola, a sanità, rifiuti, energia e (perché no) alla sicurezza.
Precisa Laura Carlino che proprio questo è il metodo scelto dalla Regione con i voucher per le spese sociali, che incoraggia la competizione tra gli offerenti e amplia la libertà di scelta dei cittadini. E’ la filosofia della sussidiarietà.
Evviva la libertà – replica Scolaro – in questo modo ciascuno avrebbe il suo “buono” da spendere per la polizia, le forze armate, le ferrovie, ecc.

Facendo finta di non cogliere la provocazione, quella dipinta da Scolaro sarebbe una bella anarchia. Difesa, sicurezza, giustizia, assistenza sono servizi prestati alla collettività da soggetti pubblici, il loro costo non è ripartibile, sono finanziati con le imposte generali e non ammettono buoni.
Scuola e sanità possono essere prestati da soggetti privati dietro pagamento di tasse a carico dei richiedenti. Lo stesso avviene per tutti i servizi prestati in forma aziendale (poste, ferrovie, telefoni, rifiuti, energia, ecc.). Il costo di questi servizi pubblici è ripartibile e la loro gestione da parte di soggetti privati realizza il principio di “sussidiarietà”.
La sussidiarietà è un fondamentale principio di libertà e di democrazia, riconosciuto anche dal trattato dell’Unione Europea di Maastricht. In parole povere significa: non faccia lo stato ciò che i cittadini possono fare da soli; le istituzioni pubbliche si limitino a creare le condizioni favorevoli alla libera azione delle persone  e delle aggregazioni sociali (famiglia, associazioni), senza sostituirsi ad esse. E’ tra i principi fondamentali della dottrina sociale della Chiesa, ma una sua formulazione risale al filosofo calvinista Althusius (1600): “ciò che può essere fatto direttamente dai cittadini, attraverso associazioni che danno corpo alla loro prospettiva di bene, non deve essere demandato ai pubblici poteri.”
Evviva la sussidiarietà.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: