Cives Cremona

7 agosto 2010

Ma lo sviluppo non passa dal mattone

Filed under: Comune di Cremona — Cives Cremona @ 07:00

Sarà per l’influenza della vecchia massima francese – quand le bâtiment va tout va – sarà che viene reputato il modo più facile per crescere, il fatto è che nessun comune sembra resistere all’attrattiva del mattone e agli oneri di urbanizzazione che assicurano qualche entrata alle casse comunali, mediante nuove aree edificabili, piani di lottizzazione, recuperi di aree dismesse. Ma non sempre i conti tornano, anche per i bilanci comunali, come informa La Provincia del 3 luglio, riferendo le preoccupazioni dell’assessore Nolli per il crollo delle entrate per oneri, passati da 4,8 milioni nel 2008 a 2,6 nel 2009, previsti in 1,9 alla fine del 2010.
Eppure, i segnali di allarme sulla situazione del mercato immobiliare di Cremona non sono mancati. Oltre all’analisi di Luca Ferrarini su Cives e su Cronaca, il numero di dicembre 2009 di Uppi Informa (periodico dell’Unione piccoli proprietari immobiliari) aveva segnalato che il 13% degli appartamenti di Cremona era sfitto, rispetto ad un valore fisiologico del 5%, e che, prima di favorire investimenti in nuove costruzioni, sarebbe stata opportuna una politica diretta al recupero e alla ristrutturazione dell’esistente. Considerato che ogni residente di Cremona dispone in media di due stanze e mezza.
Nelle ultime settimane, a causa delle difficoltà dell’edilizia, il problema è stato ripreso dai giornali. Cronaca del 12 maggio segnala i tempi da lumaca necessari per vendere una casa a Cremona: 227 giorni in media, all’ultimo posto in Italia, al pari di Isernia ed Avellino. Uno studio di Legambiente, riportato ancora da Cronaca il 19 luglio, riferisce che la superficie urbanizzata pro capite in provincia di Cremona è tra le più alte della Lombardia. E le agenzie immobiliari dichiarano una flessione dei valori immobiliari, dovuto ad un’offerta superiore alla domanda.
Nonostante questa situazione, nuove proposte di aree edificabili vengono avanzate dall’amministrazione comunale, in relazione a progetti di recupero di aree dismesse (area annonaria), o a “programmi integrati” (Morbasco sud). Può darsi che l’intenzione del comune sia anche quella di sostenere l’occupazione del settore edile, diminuita del 15% tra il 2008 e il 2010, con un aumento della cassa integrazione di oltre il 300%. Ma, a questo proposito, lo stesso sindacato di categoria Fillea-Cgil (si veda Cronaca del 23 luglio) mette in dubbio l’efficacia di questa politica, considerato che “sono ancora invenduti gran parte degli appartamenti realizzati nell’area dell’ex Consorzio agrario o in via del Sale.
Purtroppo, nella elaborazione degli strumenti urbanistici, non si è tenuto conto di dati demografici ed economici che non suggerivano ipotesi di crescita, sia di Cremona sia del suo intorno. A meno che non si fossero impostati progetti di sviluppo urbano, capaci di attrarre investimenti e occupazione in settori innovativi.
L’amministrazione precedente ha fatto scelte di tipo keynesiano, puntando su lavori pubblici che non hanno avuto ritorni. Se l’amministrazione nuova vuole cambiare politica non può puntare sul mattone, che ha un effetto ciclico in fasi di sviluppo. Deve scommettere su progetti di sviluppo urbano diversi dai centri commerciali e dalla residenza. Piuttosto, per evitare il degrado ulteriore del centro storico e delle periferie potrebbe essere utile un’agenzia di “riurbanizzazione” , che privilegi l’acquisizione e il recupero delle duemila case che attendono di essere reinserite in un circuito vitale.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: