Cives Cremona

9 agosto 2010

Considerazioni sul terzo ponte (5)

Filed under: Territorio — Cives Cremona @ 07:00

In questa parte conclusiva dello studio, Massimo Terzi propone alcune ipotesi alternative al collegamento autostradale tra la zona portuale di Cremona e il casello di Castelvetro Piacentino. Soluzioni diverse che possono, nell’immediato, rendere inutile il collegamento e predisporre un graduale programma di avvicinamento ad un assetto più economico e meno impattante.

Le proposte alternative sono fondate sulle seguenti fondamentali:
a – l’intoccabilità del comprensorio golenale a cavallo del Po;
b – l’uso urbano del ponte in ferro esclusivamente per il traffico automobilistico leggero;
c – il trasferimento di tutto il traffico pesante sulle circonvallazioni e sull’autostrada, con i conseguenti miglioramenti della viabilità a Castelvetro;
d – il trasferimento del casello di Castelvetro Piacentino più a meridione (come previsto nella variante recentemente depositata);
e – la convergenza e necessità di unificazione della S.P. n. 588 e della S.P. n. 462 sulla collocazione di questo nuovo casello;
f – Il collegamento tra la statale n. 10 e la localizzazione del nuovo casello.

La prima proposta, percorribile a breve, è di liberalizzare il tratto tra i caselli di Cremona e di Castelvetro, creando due distinti flussi in uscita a Cremona: uno per i pendolari provenienti da Castelvetro (che non pagano), l’altro per chi proviene dalle altre direzioni (con obbligo di pagamento del pedaggio).
Una soluzione ancor più valida sarebbe quella di liberalizzare completamente e definitivamente in entrambi i sensi, con modalità da convenzionare, il tratto Cremona-Castelvetro, in modo che diventi praticamente una superstrada senza pedaggio, praticabile come viabilità ordinaria, da rendere comunque obbligatoria per i mezzi pesanti che attraversano il Po.
Questa proposta ha il difetto di definire un percorso più lungo per i mezzi che raggiungono da sud la zona industriale, ma è certamente la soluzione più rapida e meno costosa, oltre che la meno devastante per le aree ecologicamente pregiate lungo il Po.
La soluzione prospettata acquisterebbe una conferma logica, nel caso l’autostrada Mantova-Cremona prevedesse la realizzazione della “gronda nord”. C’è poi da considerare che il tratto autostradale Castelvetro-Cremona, una volta liberalizzato, potrebbe svolgere la funzione di gronda meridionale che, ruotando intorno alla città, renderebbe inutile un nuovo asse in funzione di “strada sud”.
In tempi più maturi e finanziariamente più favorevoli, qualora non fosse più possibile usare la liberalizzazione dell’autostrada, la soluzione prospettata potrebbe evolvere, prevedendo una infrastruttura che sfrutti quella già esistente per Gerre-Bosco ex Parmigiano e, affiancandosi all’autostrada, attraversi il fiume con un nuovo ponte parallelo, per poi immettersi sulla S.S.n. 10 sulla sponda piacentina.

La seconda proposta riguarda la realizzazione della “gronda nord”. L’adesione (a malincuore) a questa soluzione dipende dalla opportunità di raccogliere in questa unica posizione tutti i pricipali flussi est-ovest che attraversano il territorio comunale di Cremona, alleggerendo il traffico cittadino e collegando le principali funzioni insediative della città (Fiera, aree industriali, Porto Canale, scalo merci di Cavatigozzi, insediamento produttivo lungo l’asta del canale fino al terminal di Pizzighettone).

La terza proposta è un percorso alternativo, che utilizza la viabilità esistente fra Maleo-Meleti-Castelnuovo Bocca d’Adda, con il passaggio sul ponte del Po a S. Nazzaro e dell’Adda a Crotta. Si tratta di un itinerario raggiungibile dalla A21 (da un nuovo casello o dal casello di Caorso), che utilizzando la S.S. n. 234 da Crotta d’Adda per Acquanegra Cremonese arriva alle spalle della zona industriale di Cremona, senza passare dalla città ed entrare in Cavatigozzi.
Per la funzionalità piena di questo percorso è necessario ricalibrare il tratto dopo il ponte di
S. Nazzaro fino a Castelnuovo Bocca d’Adda e realizzare la sua circonvallazione; (interventi sicuramente realizzabili in tempi accettabili e meno impegnativi) tenendo presente che si realizzerebbero delle interessanti sinergie con gli attuali poli attrezzati per la logistica che stanno sorgendo in località Caorso e Monticelli.
In questa direzione è già percorribile comodamente, con leggeri aggiustamenti, il tratto Pizzighettone-Codogno che può essere trasformato ed adattato in una sorta di superstrada (che può costituire per i Cremonesi una validissima sostituzione del percorso automobilistico che attualmente viene fatto per raggiungere a Piacenza la suddetta autostrada con direzione Milano) e che potrebbe servire la già ipotizzata localizzazione degli insediamenti produttivi lungo il Canale Navigabile, che individuano il loro terminal in località Tencara nel territorio di Pizzighettone.

Per quanto riguarda Castelvetro, i percorsi alternativi possono utilizzare la viabilità fra Maleo-Meleti-Castelnuovo Bocca D’Adda, con il passaggio sul ponte del Po a S. Nazzaro e dell’Adda a Crotta. Si tratta di un itinerario passibile di razionalizzazione, raggiungibile dalla A21 nei pressi di Caorso e che, da Crotta d’Adda, utilizzando la S.S. n. 234 per Acquanegra Cremonese, arriva alle spalle della zona industriale di Cremona, senza passare dalla città.
Per i TIR, oltre al percorso sulla A21, si può pensare ad una circonvallazione che passi in fregio alla linea ferroviaria Cremona-Fidenza-Piacenza, per arrivare all’attuale ponte sul Po e riutilizzare la parte del sedime del ponte ferroviario dismesso, con pile già realizzate, per creare una nuova corsia di uscita. (5 – fine)

Lascia un commento »

Al momento, non c'è nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: