Cives Cremona

16 gennaio 2012

Democrazia delle firme?

Filed under: Politica — Cives Cremona @ 11:11

La proliferazione dei comitati – pro o contro qualcosa – è certo indice di pluralismo culturale e di voglia di partecipazione politica, ma rivela anche una certa insofferenza verso le regole che, in un ordinamento democratico, vincolano necessariamente le istituzioni.
Apprendiamo così delle preoccupazioni manifestate da alcuni comitati per le sentenze negative di alcuni Tribunali amministrativi, che non hanno riconosciuto la loro legittimazione in quanto non titolari di un interesse diretto nella decisione impugnata. Ne dà notizia Il Vascello, chiedendosi che fine farebbe, a questo punto, un ricorso al Tar sulla strada sud, contro la quale il “Comitato per il No” ha depositato sabato in comune seimila firme. Secondo i comitati, queste sentenze “realizzano un’equazione pericolosa: la scelta della pubblica ammnistrazione è sempre nell’interesse generale, quella dei comitati è privata e perde sempre”.
Nel caso specifico citato da Leoni – la strada sud – occorre tuttavia ricordare che pure il “Comitato per il Si” ha raccolto le sue firme (ci sembra quattromila) e che il progetto della strada sud stava nel programma votato dalla maggioranza degli elettori, oltre che nel piano territoriale della precedente ammnistrazione. Siamo di fronte ad una scelta di politica amministrativa difficile e delicata, che va sciolta sul piano della politica e non affidata all’arbitrato di un organo di giustizia ammnistrativa, magari a colpi di firme. Seimila o quattromila firme da sole non fanno una ragione.
Un altro caso di insofferenza per le regole è quello dei comitati per i referendum elettorali non ammessi dalla Corte costituzionale. La bocciatura era stata ipotizzata da molti (perfino da Cives, v. Se il referendum è strumento della politica), ma i referendari hanno lanciato accuse pesanti contro la sentenza, prima ancora di averne letto le motivazioni, in nome del peso politico dell’oltre milione di firme raccolte.
Una proposta che mira ad allentare i vincoli formali all’iniziativa dei comitati è quella del Comitato “Più Democrazia in Trentino”, costituito a Rovereto. Il comitato intende proporre “una legge sulla democrazia diretta, pensata dal punto di vista dei cittadini” i cui obiettivi minimi sono l’eliminazione del quorum (il numero minimo di votanti necessario per validare i referendum) e (anche in questo caso) la “facilitazione” nella la raccolta delle firme, la cui certificazione andrebbe affidata a tutti i cittadini che ne facciano richiesta al comune.
Dettagli su questa proposta si possono trovare sul sito di Paolo Michelotto (www.paolomichelotto.it) autore del libro on line La democrazia dei cittadini e animatore di iniziative per lo sviluppo della democrazia diretta. Vi viene riportato a sostegno anche un articolo di Michele Ainis sul Corriere della Sera, in cui sostiene, tra le altre cose, che per avere una politica meno distante dai cittadini occorre una “Camera dei cittadini”, che sia “sede di rappresentanza degli esclusi”, formata per sorteggio, secondo la lezione di Aristotele.
I casi citati sono la spia del difficile rapporto dei cittadini con le istituzioni e con i partiti, canali tradizionali della politica. E’ comprensibile il disagio e l’insofferenza verso partiti oligarchici che hanno occupato le istituzioni e verso istituzioni che non si sono rinnovate aprendosi alla società e al federalismo. Ma forme nuove di partecipazione che non vogliono limitarsi all’animazione politica e ambiscono a pesare nella sfera delle decisioni pubbliche non possono pretendere di essere sciolte da quei limiti formali che se non sono la sostanza della democrazia sono l’involucro che la protegge.
Passare dalla democrazia dei voti alla democrazia delle firme non mi sembra un gran risultato.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: